Bocconotti di Maratea – Scrigni di frolla con crema pasticcera e marmellata (o nutella!)

Imm evidenza

La ricetta di oggi è una must nella mia famiglia. Ogni anno di ritorno dalla vacanza a Maratea si riportano a casa tre cose: la mozzarella di bufala, le salsine piccanti e i bocconotti. Ritrovarmi il frigo invaso da questi scrigni di frolla farciti con crema pasticcera e marmellata di visciole o nutella è sempre una gioia, quindi ho deciso di approfittarne e rifarli, così da porre fine alla mia astinenza. Piccola premessa: creano dipendenza, quindi attenzione!

La ricetta è per 4/5 bocconotti piuttosto grandi.

Per la frolla

  • 100 gr di burro
  • 75 gr di zucchero
  • 1 uovo intero più 1 tuorlo
  • 250 gr di farina
  • 8 gr di lievito per dolci (circa mezza bustina)

Ingr Frolla

Mescolare il burro con lo zucchero con l’aiuto di una forchetta, aggiungete al composto l’uovo intero più il tuorlo e mescolate il tutto finché non si sarà amalgamato per bene. A questo punto versate la farina ed il lievito in una sola volta e lavorate l’impasto fino al punto in cui non sarà omogeneo. Formate una palla, copritela con la pellicola e mettetela a riposare in frigo per circa un’ora.

Per la crema pasticcera

  • 1 tuorlo d’uovo
  • 10 gr di farina
  • 25 gr di zucchero
  • 160 gr di latte
  • Scorza di limone q.b.

Ingr Crema

Mettete il latte con la scorza di limone in un pentolino e scaldatelo fino ad arrivare quasi a bollore. Nel frattempo amalgamate il tuorlo d’uovo con lo zucchero e successivamente con la farina. Una volta che il latte sarà caldo, eliminate le scorze di limone e cominciate a versarlo a poco a poco sull’impasto di latte, zucchero e farina mescolando accuratamente per evitare di formare grumi. Terminata questa operazione, versate nuovamente il composto nel pentolino e rimettete sul fuoco mescolando continuamente, fino al momento in cui la crema non si sarà addensata. Trasferitela in una ciotola e mettetela a raffreddare con la pellicola a contatto.

Per la guarnizione

  • Crema pasticcera q.b.
  • Marmellata di visciole q.b.
  • Nutella q.b.

MONTAGGIO

Prelevate una piccola pallina di pasta frolla e con l’aiuto delle mani stendetela in modo omogeneo nello stampino da tartelletta. Bucherellate il fondo con l’aiuto di una forchetta. A questo punto aggiungete un cucchiaino abbondante di crema pasticcera e poi, a vostra scelta, un altro cucchiaino di marmellata di visciole o di nutella. Farcita la tartelletta, è arrivato il momento di chiuderla: stendete la pasta frolla rimasta ad uno spessore di mezzo centimetro circa e ritagliate dei cerchi della stessa dimensione della tartelletta (io utilizzo uno stampino vuoto per ritagliare le forme, così da essere sicura che siano della stessa grandezza). Posizionate i cerchi di frolla sopra la tartelletta, premeteli leggermente al centro per eliminare l’aria in eccesso e poi schiacciateli lungo tutto il bordo per sigillare il bocconotto. A questo punto non resta che cuocerli! Mettete i bocconotti in forno preriscaldato a 160° per circa 25/30 minuti, fino a quando non saranno ben dorati in superficie. Lasciateli raffreddare, spolverizzateli con zucchero a velo e buona dipendenza!

imm copertina

NOTE

  • La versione originale prevede l’utilizzo di una visciola sciroppata schiacciata, io per facilità di reperibilità utilizzo la marmellata, anche se sarebbe preferibile la prima soluzione.
  • Ovviamente potrete variare il gusto a vostro piacimento per personalizzarli, evitate però marmellate troppo dolci perché renderebbero il tutto stucchevole. Utilizzate sempre marmellate acide!
  • Qualora non doveste avere lo stampo da tartelletta potreste tranquillamente utilizzare anche gli stampi da muffin!
  • Poichè sono farciti con crema pasticcera, è importante che i bocconotti siano conservati in frigo e consumati entro 2/3 giorni. Nel caso in cui dovesse avanzarvene qualcuno (anche se è piuttosto difficile che ciò accada!) potrete sempre congelarli da cotti. Al momento dell’utilizzo, poi, vi basterà semplicemente scaldarli in forno a 160° fino al completo scongelamento.

Lascia un commento