Torta Pavlova ai lamponi

imm-evidenza2

La ricetta di oggi proviene dall’altra parte del mondo: è nata in Australia, in onore di Anna Matveyevna Pavlova, una ballerina di origine russa a cui fu dedicato questo dolce, probabilmente per la sua leggerezza e per il suo aspetto etereo. E’ infatti costituito da una fantastica base di meringa sopra la quale viene disposta una montagna di panna e della frutta fresca. Niente di più bello e buono da preparare per il prossimo weekend! La versione che vi propongo io è per una Pavlova ai lamponi, un tripudio di sapori e consistenze paradisiache per il palato!

Per 4 mini Pavlove o per una Pavlova di 22/24 cm di diametro (8 persone circa)

Per la meringa francese

  • 70 gr di albumi
  • 150 gr di zucchero semolato
  • Polvere di lampone essiccato qb (opzionale)

ingr-meringa

Versate gli albumi in un recipiente e con l’aiuto di una frusta iniziate a montarli. Non appena cominceranno a schiumare, aggiungete un terzo dello zucchero seguitando a montare il composto e ripetete l’operazione per altre due volte. Seguitate a lavorare la meringa fino al momento in cui non sarà a becco d’uccello, cioè quando, immergendo la frusta all’interno dell’impasto e tirandola su, non resterà uno spuntone solido che non ricadrà nella ciotola. A questo punto aggiungete con delicatezza la polvere di lampone essiccato ed amalgamate il tutto. Successivamente versate la meringa in una sacca da pasticcere e formate 4 dischetti con dei bordi (oppure un disco più grande nel caso in cui voleste fare un’unica torta). Infornate il tutto nel forno ventilato a 100°, lasciando lo sportello socchiuso in modo tale da far uscire l’umidità. Lasciatele cuocere per circa 3 ore, o finché non saranno ben asciutte, quindi toglietele dal forno e lasciatele freddare.

Per la guarnizione

  • 250 ml di panna
  • 125 gr di lamponi freschi
  • Foglie di menta qb
  • Polvere di lampone essiccato qb (opzionale)

panna-lamponi

MONTAGGIO

Montate la panna e, se preferite, zuccheratela a piacere. Nel frattempo disponete le meringhe sul piatto da portata e, con l’aiuto di una sacca da pasticcere, disponeteci sopra una dose generosa di panna montata. A questo punto non vi resterà altro da fare che decorare con i lamponi freschi e le foglie di menta. Ultimo tocco, anche se opzionale: una spolverata di polvere di lampone essiccato per una dose extra di sapore. E buona merenda!!

imm-copertina

NOTE 

  • La mia versione è con i lamponi, ma la Pavlova è una torta che si presta a qualunque tipo di frutta o guarnizione, purché si rispetti il contrasto tra l’acidulo della frutta e la dolcezza della meringa. Quindi divertitevi a variare i gusti!
  • Ovviamente potrete aromatizzare anche le meringhe a vostro piacimento: sono ottime anche con aggiunta di caffè solubile, cacao, polvere di liquirizia, cannella e qualsiasi altra spezia o aromatizzazione vi possa venire in mente. Ricordate solo di utilizzare sapori che tra loro funzionino!!

1 Comment

  1. You’re a chef witth the camera for sure.

Lascia un commento