L’unica, inimitabile, torta al formaggio pasquale! (the italian salted cheese cake!)

Torta_umbra_formaggio_pasqua

Più che per il famoso uovo di cioccolato, per me il periodo pasquale significa una cosa sola: torta al formaggio! Ogni anno più o meno verso il mese di marzo mi cimento nella preparazione di questa meraviglia, e devo prepararla svariate volte perché una volta aperta viene regolarmente consumata in uno, massimo due giorni! Che sia accompagnata da una fettina di corallina, o banalmente gustata da sola, questa torta per me è l’emblema del periodo pasquale. Come la primavera rappresenta la rinascita della natura, questa torta segna la rinascita del gusto! Quest’anno mi sento particolarmente buona e voglio condividere la ricetta con voi, fatene buon uso perché è un vero tesoro!


Dosi per una torta di circa 1 chilo di impasto (per 10/12 persone)

  • 375 gr di farina manitoba
  • 150 gr di emmental
  • 3 uova
  • 150 gr di olio di semi
  • 150 gr di latte
  • 18 gr di lievito di birra fresco
  • 75 gr di parmigiano grattugiato
  • 75 gr di pecorino grattugiato
  • Sale qb

Ingredienti_Torta_formaggio

Versate nella ciotola di una planetaria la farina, il parmigiano ed il pecorino grattugiati, le uova, il latte, l’olio ed il lievito fresco sbriciolato. Qualora non doveste possederla, potrete tranquillamente impastare la torta al formaggio a mano, versando tutti gli ingredienti in un’insalatiera. In entrambi i casi, impastate il tutto energicamente fino ad ottenere un composto piuttosto omogeneo. A questo punto aggiungete il sale ed amalgamatelo all’impasto. Quando avrete amalgamato per bene gli ingredienti, l’impasto sarà pronto. Dovrà essere decisamente morbido, e non preoccupatevi se si attaccherà alle mani: è normale! Quindi versate sul fondo della ciotola della farina, riponeteci sopra il composto, copritelo con della pellicola e lasciate lievitare il tutto per circa due ore. Nel frattempo tagliate l’emmental a cubetti.

Una volta che sarà trascorso il tempo di lievitazione, riprendete il composto ed aggiungeteci i cubetti di formaggio, quindi amalgamate nuovamente il tutto, cercando di lavorare l’impasto con le mani per quanto possibile. A questo punto prendete lo stampo che utilizzerete (vedi note per maggiori dettagli), versate all’interno l’impasto della torta e lasciate lievitare nuovamente il tutto per un’altra ora circa.

Quando la torta sarà quasi arrivata al bordo dello stampo, accendete e preriscaldate il forno a 200°C e una volta che sarà arrivato a temperatura infornate la torta per circa 45 minuti. Lasciatela freddare, sformatela e preparatevi a vederla divorata in un nano secondo! 

Torta_Formaggio_pasquale

Note:

  • Questa torta andrebbe preparata nello stampo specifico per torte salate pasquali che altro non è che uno stampo tondo ma con i bordi molto alti e svasati. Si trova facilmente al supermercato e costa veramente poco, ma qualora non doveste averlo, potrete tranquillamente ovviare al problema utilizzando o uno stampo da torta normale, purché abbia i bordi molto alti (quello da chiffon cake, per esempio, è perfetto), oppure comprando gli stampi di carta usa e getta da panettone ed utilizzando questi. In questo caso, però, fate attenzione a comprarlo della dimensione giusta: questa dose è da un chilo, quindi avrete bisogno dello stampo da chilo.
  • Se doveste utilizzare lo stampo tipico da torta pasquale o un qualsiasi altro stampo che non sia quello usa e getta di carta, ricordatevi sempre di ungerlo prima di riporci l’impasto.
  • Ovviamente anche in questo caso la creatività è d’obbligo: quindi sbizzarritevi con tutte le farciture possibili e immaginabili: potreste cambiare tipologia di formaggi da utilizzare, oppure potreste anche aggiungere dei salumi per un tocco di sapore in più. In ogni caso la amerete!
  • Nel caso in cui doveste durarvi più di due giorni (cosa piuttosto rara!), la torta si conserva senza problemi per una settimana circa, basta che sia coperta da pellicola alimentare o carta stagnola. Ricordatevi comunque di non lasciarla chiusa per tutti questi giorni senza mai aprirla, altrimenti rischiereste di farla ammuffire perché è piuttosto umido come impasto.

Lascia un commento